Martina, Jannik e il grande sogno

Jannik e Martina sono due facce della stessa medaglia, quella brillante e luccicante che il tennis italiano si sta appendendo al collo e che mostra con orgoglio, gonfiando il petto.

Due personalità diverse e due storie diverse: esuberante in ogni suo gesto, dal gesto tecnico a quel suo “Maremma” urlato in faccia alla tribuna deserta dopo un punto perso, Martina, asciutto, diretto e teutonico, come il suo dritto, Jannik. Eppure entrambi hanno in comune la fame di vittoria e la voglia di primeggiare e non importa se contro pronostico o contro classifica, la loro voglia di vincere è più forte di tutto.

Ecco, questo è stato finora il loro tratto distintivo: giocare imponendo se stessi e il loro modo di vivere e vincere la partita, indipendentemente se dall’altra parte della rete ci sia la Gauff, la Bertens o Zverev. Impongono se stessi anche nel momento più difficile, che in ogni match, o in quasi tutti, arriva. Hanno un istinto di sopravvivenza che deriva o dall’esperienza che la vita ti insegna, anche in modo duro, o dall’innato senso di cannibalismo, che solo i grandi campioni hanno. Questo li rende unici.

Jannik e Martina stanno vivendo un sogno, a modo loro, con il modo di essere. Scegliere quale sia il migliore è un esercizio di stile a cui ci sottraiamo: l’importante è continuare a sognare.

Carlo Galati

Questa voce è stata pubblicata in Sport. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...