Marta Bassino, la forza Gigante

E sono quattro. Quattro vittorie su cinque gare di coppa del mondo in gigante. La nuova signora delle nevi si chiama Marta Bassino e non ha ancora 25 anni. Ha vinto anche oggi firmando un’incredibile doppietta sulla pista più tosta del circuito, la Podkoren di Kranjska Gora.

Impresa in passato riuscita alla Karbon e ad un’altra signora delle nevi, forse la più grande di tutte in Italia: Deborah Compagnoni che in gigante non solo vinceva, dominava.

Così come Deborah anche Marta si sta abituando e ci sta abituando a distacchi pesanti: 1’’48 la Gisin; 1’’58 la Vlhova, leader della classifica generale ma in gigante ancora a secco; 2’’10 la Brignone, che sconta i peccati di giornata con la perdita del pettorale rosso del primato; 2’’18 la Shiffrin, stavolta imprecisa e senza cambio di marcia. Pensate che Sofia Goggia, andata troppo piano nella prima manche, ha chiuso 15ª a 4’’: certo, questo non è più il terreno di caccia dell’olimpionica della discesa, ma fu il gigante a rivelarla a fine 2016 e a darle, con il bronzo iridato 2017, la prima medaglia della carriera.

Basta questo per inquadrare la grande stagione della Bassino e a segnarle la strada per il futuro battendo una pista già battuta in passato da chi è stata grande forse la più grande di tutte e che adesso, dopo oltre 20 anni vede una possibile erede. Marta come Debora. La valanga rosa non muore mai.

Carlo Galati

Questa voce è stata pubblicata in Sport. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...