Massimo Cuttitta, eroe senza fine

Ci sono delle figure nello sport che sono emblematiche, figure che rappresentano ed incarnano, valori, gesti, azioni. Massimo Cuttitta ha rappresentato il rugby. In Italia e non solo.

Uno dei più forti piloni che abbia mai vestito la maglia azzurra, è andato fino in Scozia ad insegnare il vecchio mestiere della prima linea, ai maestri di questo sport. Perché Massimo era questo: maestro tra i maestri. Esegesi della mischia, uomo apprezzato anche e soprattutto per le sue doti fuori dal campo, la sua grandezza risiede proprio nell’aver lasciato a tutti il ricordo di un amico, di una persona cara venuta a mancare per colpa di un maledetto virus che lo ha placcato, definitivamente.

Prima però ha passato la palla, perché anche quando qualcuno ti placca e vai a terra, quel pallone devi tenerlo sempre vivo. Ed è quello che importa davvero, per permettere a tutti di continuare a giocare. Fino alla meta.

Grazie Mouse per quello che hai dato al rugby italiano e a tutti noi. La terra ti sia lieve.

Carlo Galati

Questa voce è stata pubblicata in Sport. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...