Il tiro nell’eternità

La sublime rappresentazione della perfezione è racchiusa in questi pochi istanti, in un elevazione che dura giusto il tempo di trattenere il respiro con la sensazione che duri per sempre.

Perché il gesto non si è mai realmente concluso e non si concluderà mai, almeno fino a quando ognuno di noi non smetterà di stupirsi ogni volta, come se fosse la prima.

Se “The Last Dance”, l’ultimo ballo, è la definizione per l’annata 1997-98 dei Chicago Bulls, l’ultima versione di una squadra mitica e irripetibile, “The Last Shot”, l’ultimo tiro, non può che essere riferito al canestro di Michael Jordanche segnò l’epilogo e il lieto fine di quella cavalcata, tanto clamorosa quanto difficile e controversa. Era il 14 giugno 1998, al Delta Center di Salt Lake City, Utah. Finali NBA 1998 tra Utah Jazz e Chicago Bulls che vinsero il titolo grazie a quella magia.

Sono passati 22 anni e Jordan è ancora lì; sospeso in aria mentre osserva la parabola perfetta che, dalle sue mani, trova la poesia eterna nel soave suono di una vittoria che vuol dire eternità.

Carlo Galati

Questa voce è stata pubblicata in Sport. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...