Volare, insieme!

Penso che un giorno così non ritorni mai più, mi dipingevo la faccia e le mani di blu (azzurro n.d.c.)

Poi d’improvviso venivo dal vento rapito
E incominciavo a volare nel cielo infinito…

La stiamo vivendo in questo modo, con queste parole in testa e nel cuore; al netto del capolavoro immortale di Domenico Modugno, vi assicuriamo, non bene. Ma probabilmente, anzi sicuramente, è giusto che sia così. Provarci, crederci imperativi di un assolutismo che si deve scontrare con un realtà difficile forse da accettare. Matteo contro il cannibale del tennis moderno, la squadra di Mancini contro un Paese intero ed i fantasmi del 1966, con la Regina a fare da totem, allora come adesso.

Non sappiamo quante altre volte lo sport italiano potrà vivere giornate del genere; godiamocele e proviamo a divertirci. Sarà dura, durissima ma…se non ora, quando?

Felice di stare lassù con te, con voi.

Carlo Galati

Questa voce è stata pubblicata in Sport. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...