Lo Squalo morde ancora

Come ai vecchi tempi: potente, agile sui pedali, impressionante in una progressione che lascia senza fiato; i suoi avversari su tutti. Ed è stato bellissimo rivederlo così, rivedere Vincenzo Nibali tornare ad alzare le braccia al cielo nella sua Sicilia, lì dove da professionista non aveva mai vinto e dopo un digiuno di due anni dall’ultima vittoria.

Un’apoteosi davanti alla propria gente, per dimostrare al mondo, ma prima di tutto a se stesso, che lo Squalo è vivo più che mai nonostante un biennio pessimo che avrebbe tolto la speranza e la voglia di continuare a quasi tutti. Dopo aver vinto tutti e tre i grandi Giri perché andare avanti? La risposta sta nelle lacrime di fine gara, nell’incredulità mista stupore di chi ha visto e riassaporato quel dolce gusto della vittoria, ribadendo che al tavolo dei più grandi di sempre c’è posto per Vincenzo Nibali. E chissenefrega che la carta d’identità dica 37 anni; la classe cristallina può mettere da parte tutto. Anche il tempo che passa.

Carlo Galati

Questa voce è stata pubblicata in Sport. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...