Il Cio e i soldi che tutto (non) possono comprare

Cancellare oltre cento anni di storia con un comunicato da dare in pasto alla sempre più bulimica stampa sportiva che ingoia notizie senza comprenderne il reale significato. La decisione del Cio presieduta da Thoma Bach è di quelle che cambiano le impostazioni classiche della cultura olimpica, riscrivendo il panorama delle discipline valevoli di considerazione a cinque cerchi, assuefatti dal dio denaro che tutto compra. E così dal 2028 diremo addio al sollevamento pesi (in programma dal 1896), alla boxe (dal 1904) e al pentathlon moderno, la più giovane delle tre discipline essendo olimpica “solo” dal 1920.

Saranno sostituite dallo skateboard, dall’arrampicata sportiva e surf, tre discipline gradite, tanto, ai giovani e ancor di più agli sponsor. Se ne faranno una ragione gli amanti e i cultori di una disciplina come il sollevamento pesi, praticato fin dall’antichità o la boxe che ha visto un giovane Cassius Clay a Roma nel 1960 vincere la medaglia d’oro. E che dire del pentathlon moderno un mix di discipline così diverse ma così romanticamente unite nel loro perfetto mix di stile, velocità e forza? Che sia chiaro, il nostro non è puro spirito bacchettone, di chi si pone restio alle novità: il nostro è rispetto per discipline che non meritano di sparire dal panorama sportivo mondiale, discipline che godono di estrema visibilità ogni quattro anni e che portano con se una storica cultura sportiva che è inattaccabile, imprescindibile e irrinunciabile.

Toccherà, ahi noi, farcene una ragione realizzando, nel modo più cinico, che per (quasi) tutto c’è un prezzo, che ci sarà sempre spazio per uno sponsor in più sul cappellino. Ma cari amici non preoccupatevi; le radici dello sport sono profonde e affondano nel terreno della passione che il dio denaro non potrà mai comprare. Ci sarà sempre tempo e spazio per chi vorrà cimentarsi nello stacco, boxare o cavalcare dopo aver tirato di scherma, perché lo spirito olimpico sarà in ogni guantone, in ogni disco di ghisa, in ogni sella, in ogni arma. Con buona pace dei parrucconi e dei loro soldi olimpici.

Questa voce è stata pubblicata in Sport. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...